Tuttalativu.it

Anche quest’anno torna l’appuntamento con #DanzaConMe su #Rai1: qualche anticipazione

Comunicato stampa – Il nuovo anno di Rai1 si apre con quella che è diventata ormai una bellissima e attesissima consuetudine: il grande show della danza di Roberto Bolle che ritorna con il suo Danza Con Me, in onda in prima serata il 1° gennaio 2022. Danza Con Me – prodotto da Rai1 in collaborazione con Ballandi e Artedanza srl – costruisce un mondo parallelo dove per una sera tutto è sospeso, un viaggio straordinario, che lascia senza fiato, attraverso la grande arte della danza raccontata e vissuta in profondità e con leggerezza insieme. Un’andata e ritorno dalla realtà in cui lo spettatore rientra in qualche modo cambiato. Anche questa quinta edizione di Danza Con Me ospita artisti molto speciali provenienti da un ventaglio di ambiti ancora più ricco e vario delle edizioni precedenti, per celebrare il ritorno alla vita in tutte le sue forme, con camei e partecipazioni inedite e originali del mondo della musica e del cinema, della danza e della cultura, della letteratura e della televisione stessa. Tutti uniti in quello che ormai è diventato una sorta di rito propiziatorio per l’anno nuovo. Tutti insieme nella gioia condivisa di essere tornati a fare quello che ci è mancato per tanto, troppo tempo. Alla conduzione un’artista molto amata dal pubblico, Serena Rossi, che in Danza Con Me con eleganza e quella sua grazia che abbraccia e scalda, non mancherà di mettersi in gioco in tutti i suoi registri, spingendosi in territori nuovi e sorprendenti. Accanto a lei, l’ironia di Lillo che torna – o almeno così crede lui – al suo primo amore, la danza. Ospite d’eccezione della serata John Malkovich il quale, oltre a prestarsi alle dinamiche del programma, porterà un pezzo teatrale di grande leggerezza e fascino, accompagnato dagli straordinari artisti Igudesman & Joo.

L’intramontabile Ornella Vanoni sarà l’anima di un’inedita “compagnia di ballo” formata da alcune delle attrici italiane più amate del momento: Margherita Buy, Micaela Ramazzotti, Benedetta Porcaroli, Sabrina Impacciatore e Diana Del Bufalo. La musica è, come sempre, tra gli ingredienti principali di Danza ConME. Tra gli ospiti il duo Colapesce e Dimartino che daranno vita, insieme ai giovani allievi dell’Accademia del Teatro alla Scala, ad un momento di show colorato e “leggerissimo”. Boosta – al secolo Davide DiLeo – accompagnerà Roberto Bolle in due momenti di danza altamente suggestivi, sia nella sua chiave più elettronica, sia in quella più melodica. La giovane ed incredibile Frida BollaniMagoni, emozionerà con il suo talento al piano e alla voce, Roberto Bolle e i primi ballerini della Scala. E, sempre al pianoforte, impreziosirà un balletto di danza classica contemporanea, la bravura sempre al femminile della musicista Beatrice Rana. Una riflessione, composta di danza e parole, sul tempo e il suo rapporto con l’amore, è realizzata da Roberto Bolle e la prima ballerina della Scala di Milano, Virna Toppi, insieme con due grandi attori di oggi: JasmineTrinca e Alessandro Borghi. In questa edizione di Danza Con Me si è voluto anche celebrare il ritorno allo sport, che quest’anno particolarmente ci ha regalato molti motivi di orgoglio come Paese e lo si è fatto unendo, per la prima volta, la danza di Bolle con la leggiadria e la bellezza delle Farfalle Olimpiche. La presentazione e l’approfondimento di alcuni dei pezzi più importanti e significativi del programma di danza di quest’anno, sono stati affidati ad autorevoli personaggi del mondo della letteratura come NicolaLagioia e Silvia Avallone, nei temi e ambiti più conformi ai loro stili, e della televisione come Franca Leosini per il disvelamento delle grandi Storie dietro i grandi balletti. A raccontarci leggende e aneddoti del mondo della danza, l’irresistibile Carla Signoris. Uno sguardo stralunato e sicuramente fuori dal coro sul mondo della danza, sarà invece affidato a Valerio Lundini. La grande danza di Roberto Bolle, sempre al centro di Danza Con Me, vede, quest’anno, il ritorno di alcune grandi star del panorama internazionale: uno sforzo che è speranza e simbolo di riapertura. In primis la bellissima Svetlana Zakharova, star della danza mondiale, Prima Ballerina Assoluta del Bolshoi di Mosca. A lei il compito di omaggiare, insieme con Bolle, Carla Fracci eseguendo quello che fu il grande cavallo di battaglia della danzatrice milanese: Giselle. Accanto a questo grande titolo della danza classica, un altro caposaldo del repertorio Paquita, di Marius Petipa, qui danzato dall’Étoile accompagnato dalle giovani allieve dell’Accademia della Scala di Milano e soprattutto da Marianela Nuñez, Prima Ballerina del Royal Ballet di Londra, con la quale Bolle danza anche l’intramontabile L’Histoire de Manon, di Kenneth MacMillan. Come sempre al centro del racconto la danza di Roberto Bolle – deus ex machina, ideatore e direttore artistico del programma – capace di unire arte e ironia, sacro e profano, alto e basso e di creare una terra di mezzo in cui la contemporaneità si intreccia all’immutabilità del classico con risvolti nuovi e inaspettati. Molti i pezzi originali creati o rivisitati per il programma.

Tra questi, un pezzo titolato semplicemente Acqua di Mauro Bigonzetti dove Roberto Bolle con Virna Toppi e i ballerini della MM Contemporary Dance Company di Michela Merola danno vita ad una danza ritmata e al tempo stesso sensuale sotto la pioggia. Un pezzo che incollerà i telespettatori al video. Il tango viene reinterpretato con i passi della danza classica da Massimiliano Volpini in un trittico su musiche di Astor Piazzolla dal titolo Alma Porteña con protagonisti Bolle e Nicoletta Manni, Prima Ballerina del Teatro alla Scala di Milano, sulle note del violino di Alessandro Quarta. Sempre con la Compagnia MM e questa volta con Timofej Andrjashenko, Primo Ballerino della Scala, Bolle darà vita invece ad un pezzo solare che sa di estate e di amicizia, ma anche di inclusività e unioni, Zorba il Greco, del coreografo Lorca Massine. Nell’ambito della danza classica contemporanea, due pezzi affascinanti sorprendenti: Borderlands di Wayne McGregor, che Bolle danza con la bellissima Melissa Hamilton, solista del Royal Ballet di Londra, e With a chance of rain di Liam Scarlett, con la giovane Agnese Di Clemente, della Scala di Milano. Un’annotazione particolare merita il pezzo sulle note di Respect, interpretato per la prima volta da Serena Rossi, su cui si esibiranno le danzatrici della SILENT BEAT, la compagnia di Irma Di Paola. L’unione della danza con i gesti mutuati dal linguaggio dei segni crea un’atmosfera suggestiva ed emozionante, di grande impatto emotivo. E molto altro ancora intervallato da racconti e interventi, sorrisi e forse qualche lacrima di commozione: un grande show nato e cresciuto, edizione dopo edizione, per custodire e difendere l’Arte e la Bellezza nell’attesa che si riapproprino di tutti gli spazi possibili e raggiungano quelli ritenuti finora impossibili. Con la magia della danza che tutto può, almeno per una notte. Lo studio di quest’anno è un’arena di led che crea quasi un’esperienza immersiva nella danza grazie alle ambientazioni e alla grafica di Cristina Redini e del suo team, da sempre consulente di tutte le edizioni di Danza Con Me.

Roberto Bolle: “Alimentiamo la speranza”
“Viviamo un tempo dai tratti incerti, dove la speranza deve combattere ancora con la paura e con le ferite aperte che la pandemia ha lasciato umanamente, socialmente ed economicamente. L’arte e la cultura sono tra i settori che più di tutti hanno sofferto e ancora oggi annaspano alla ricerca di quella sicurezza e di quella ripartenza ancora timida. Per tutte queste motivazioni sono ancora più felice e orgoglioso di essere riuscito a realizzare un’altra serata con Danza Con Me. Abbiamo cercato di dare vita ad un’edizione particolarmente allegra e positiva, per regalare una tregua dalle difficoltà, alimentare la speranza, mostrare tutta la leggerezza e positività di cui la grande danza può farci dono. Ci siamo soffermati sui mille lati belli della vita: le passioni, i sogni, le storie che ci emozionano e insieme ci spronano a non mollare mai. Abbiamo parlato e, chiaramente, danzato, ma anche cantato l’amore e il rispetto, l’amicizia, l’importanza di tenersi strettamente connessi agli altri, perché “nessuno si salva da solo”. La danza in televisione… sembrava una follia e per alcuni addirittura un sacrilegio, invece è nel dna della tv portare l’arte e la cultura a casa di tutti, anche coloro per i quali molto è precluso, lontano, inaccessibile. Io credo che non si debba rinunciare al “superpotere” di questo mezzo che può portare persone a teatro, al cinema, nei musei e aiutare una visione più inclusiva e giusta del mondo. Come sempre un grazie alla Rete che ci ha permesso di esserci anche quest’anno, a tutti coloro che ci hanno lavorato con grande entusiasmo in un clima magico di grande armonia e grazie a tutti gli ospiti che sono venuti ad aiutarci a raccontare il mondo attraverso la danza, portando il loro punto di vista, la loro stupenda energia, il loro grande talento. Abbiamo dedicato questa puntata a CARLA FRACCI di cui ricorderemo un momento vissuto insieme allegro e straordinario, come era lei, il suo talento e la sua capacità di portare la danza a tutti.” Anche questa quinta edizione di DANZA CON ME ospita artisti molto speciali provenienti da un ventaglio di ambiti ancora più ricco e vario delle edizioni precedenti, per celebrare il ritorno alla vita in tutte le sue forme, con camei e partecipazioni inedite e originali del mondo della musica e del cinema, della danza e della cultura, della letteratura e della televisione stessa. Tutti uniti in quello che ormai è diventato una sorta di rito propiziatorio per l’anno nuovo. Tutti insieme nella gioia condivisa di essere tornati a fare quello che ci è mancato per tanto, troppo tempo”.