Chiara Maci protagonista su #Sky con #ArtistiDelPanettone2022 e da gennaio su #FoodNetwork

ANSA – Che sia tradizionale, uvetta e canditi. O “riletto”, tra pistacchi e profumi di limone. Il “re” del Natale è lui: sua Maestà il panettone. O no? A raccontarlo sarà Chiara Maci, dal 19 al 22 dicembre padrona di casa di “Artisti del panettone 2022“, quattro speciali dove i migliori pasticceri d’Italia si sfideranno nella creazione di dolci natalizi inediti, ispirati appunto dal più famoso di tutti (su Sky e in streaming su Now, alle 17).

“Uno dei momenti più belli a Natale è quando torno a casa dei miei genitori e ‘impiliamo’ tutti i nostri panettoni. Arriviamo anche a una trentina e con papà, uno dopo l’altro, finiamo per assaggiarli tutti mentre si gioca a tombola”, racconta all’ANSA la conduttrice e food blogger, tornate in libreria in queste settimane con il nuovo libro dedicato ai ragazzi “Le mie ricette da fiaba” (ed. Mondadori), mentre dall’11 gennaio sarà nuovamente su Food Network, ogni mercoledì alle 22, alla guida de “L’Italia a morsi”, versione dedicata alla “Milano da gustare” Ma non solo panettone. Nei quattro episodi su Sky, prodotti da Food Media Factory e Level 33, dodici maestri pasticceri si cimenteranno nella preparazione di inedite ricette, tutte a tema natalizio e soprattutto “tutte facilmente replicabili a casa”.

Si va, tra gli altri, dal popolarissimo Pain Perdu, la specialità francese che parte da materiali di scarto per renderli una vera goduria per il palato con il maestro pasticcere Lucca Cantarin. Il tre volte campione del mondo di pasticceria e gelateria Roberto Rinaldini porterà invece alla ribalta la sua Torta di Natale al profumo di caffè e cannella. Santi Palazzolo propone la sua Perla di Sicilia, un sablè al cacao e mandorle con mousse alla ricotta profumata alla zagara e decori al cioccolato. Nello speciale del 21 dicembre ci sarà anche Sal De Riso, vincitore del Panettone World Championship 2021 e dell’edizione 2019 di Artisti del Panettone, per ingolosire il pubblico con una Torta rococò al profumo di caffè speziato. E in ogni puntata il maestro Luigi Biasetto, vincitore della passata edizione di Artisti del Panettone, porterà la sua esperienza di maitre patissier condividendo alcuni dei suoi specialissimi segreti sulla preparazione del panettone. “Il bello è che da Milano, il panettone ha conquistato tutta l’Italia – prosegue la Maci – ma poi ognuno lo varia e rilegge a seconda anche dei sapori e delle specialità del proprio territorio, dai fichi del Cilento all’olio pugliese. No, io non l’ho mai preparato. Sono molto felice che lo facciano altri per me: non sarei mai così brava – sorride – Ma per tanti anni sono stata in giuria al Panettone Day, quindi conosco molto bene il prodotto”. Come avere dunque la certezza di portare un buon panettone a tavola a Natale, in un giusto promesso tra qualità e prezzo? “Il mio consiglio è sapere sempre bene dove vai comprarlo – risponde – Io, ad esempio, sono una grande fan di forni e panifici, che ne realizzano di ottimi quanto le pasticcerie, artigianali e a tiratura sicuramente limitata. Ma non fasciamoci neanche la testa: non sempre industriale è sinonimo di ‘merendina’”. E sulla tavola di un’esperta come lei, cosa non può mancare nel menù delle feste? “Tradizione di casa mia, per la vigilia, è il salmone affumicato – racconta – Il 25 bollito e puré. Soprattutto, da bolognesi, tortellini, tortellini, tortellini. Ne facciamo così tanti che qualche volta – ride – finiamo a mangiarli anche il 26 a colazione”.