Tuttalativu.it

Cine34 celebra la Giornata Mondiale del Cinema Italiano con un palinsesto speciale. Eccolo nel dettaglio nel secondo anniversario della rete

Comunicato stampa – In occasione della Giornata Mondiale del Cinema Italiano, che ricorre nel giorno del compleanno di Federico Fellini – e nel secondo anniversario della nascita di Cine34 -, giornata di programmazione dedicata per la rete diretta da Marco Costa.

Un omaggio a un’industria nella quale il nostro Paese si è distinto con capolavori senza tempo, opere ancora oggi fonte di ispirazione per vecchie e nuove generazioni di registi, attori e le tante professionalità coinvolte. Un atto d’amore dovuto e voluto, da parte della rete che da due anni, ogni giorno, 24 ore su 24, racconta la storia del Paese attraverso una delle sue arti più apprezzate e riconosciute.

In particolare, in prima serata, è prevista la prima visione in chiaro di The Place.
12esimo film del regista Paolo Genovese, adattamento del serial-web The Booth at the End, gode di un cast corale di prima grandezza, composto da Marco Giallini, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli, Giulia Lazzarini, Vinicio Marchioni, Valerio Mastandrea, Silvio Muccino, Silvia D’Amico, Rocco Papaleo, Vittoria Puccini, Alba Rohrwacher.
Interamente girato a Roma, in un bistrot in zona San Giovanni, il film ruota attorno a un arduo quesito dall’accento faustiano: qual è il limite dell’asticella della nostra morale?
A seguire, spazio alla riproposizione del documentario originale Noi siamo Cinema, celebrazione del mondo artistico e produttivo necessario alla sua realizzazione e sviluppo.
Il palinsesto, inoltre, prevede:
ore 6.00 Ladri di biciclette di Vittorio De Sica
ore 9.00 Giulietta degli Spiriti di Federico Fellini
ore 13.00 Totò, Peppino e la Dolce Vita di Sergio Corbucci
ore 15.00 Polvere di Stelle di Alberto Sordi
ore 17.00 Baarìa di Giuseppe Tornatore
ore 19.00 Innamorato Pazzo di Castellano e Pipolo
ore 21.00 The Place di Paolo Genovese
ore 23.00 Noi siamo Cinema documentario
ore 01.00 Il tè nel deserto di Bernardo Bertolucci.