Crea sito
Tuttalativu.it

Da stasera al via, in prima serata su #Rete4, la novità #ZonaBianca con Giuseppe Brindisi

Comunicato stampa – Da stasera, in prima serata su Rete4, al via “Zona Bianca”, il nuovo programma di attualità e approfondimento condotto da Giuseppe Brindisi e realizzato in collaborazione tra Videonews e Tg4.

Un titolo che è anche un auspicio, la fine di questo tempo d’attesa e la speranza di un ritorno alla normalità. Il programma fa il suo esordio con tutte le novità sul caso AstraZeneca, ancora al centro dell’attenzione mediatica e nuovamente posto sotto analisi dall’Aifa e dall’Ema sull’eventuale correlazione tra il vaccino ed i rarissimi eventi trombotici verificatisi nei Paesi europei.  Spazio inoltre a una inchiesta sulle ingiustizie e sulla zona grigia della campagna di somministrazione dei vaccini.

Tra gli ospiti; il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il professore Massimo Galli, direttore malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, il professor Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e il sociologo Luca Ricolfi.

6 Risposte a “Da stasera al via, in prima serata su #Rete4, la novità #ZonaBianca con Giuseppe Brindisi”

  1. Concordo con Saro sul fatto che lo sbaglio sia continuare con i talk senza cambiare registro.
    Avendo già un talk di cronaca nera, due talk politici e un quarto talk con inchieste, diventa inutile un quinto talk, anche se verte sull’attualità.

    Onestamente avrei preferito che la rete diversificasse il genere, visto che ci sono ancora spazi per offrire un’offerta variegata. Un talk di cronaca rosa o un talk su argomenti prettamente televisivi sarebbe stato molto più interessante. Domani vedremo il responso del pubblico…

  2. Concordo con Saro sul fatto che lo sbaglio sia continuare con i talk senza cambiare registro.
    Avendo già un talk di cronaca nera, due talk politici e un quarto talk con inchieste, diventa inutile un quinto talk, anche se verte sull’attualità.

    Onestamente avrei preferito che la rete diversificasse il genere, visto che ci sono ancora spazi per offrire un’offerta variegata. Un talk di cronaca rosa o un talk su argomenti prettamente televisivi sarebbe stato molto più interessante. Domani vedremo il responso del pubblico…

I commenti sono chiusi.