Tuttalativu.it

Da stasera su #DMax esordio per “Il codice del Boss” condotto da Daniele Bossari

(ANSA) – Quali segreti nasconde la costruzione del Pantheon, tra i più famosi monumenti di Roma? Perché la Torre di Pisa pende? E il famoso incendio di Roma, quello che devastò nel 64 d.C., è stato davvero opera della follia di Nerone? A questi e altri secolari interrogativi cercherà di rispondere Daniele Bossari, che dopo il successo de “Il Boss del paranormal” torna a indagare l’irrisolto, questa volta con un inedito sguardo al passato con “Il codice del Boss”, nuova avventura che intreccia, appunto, storia e mistero, al via l’8 giugno e poi ogni martedì alle 21.25 su DMax (canale 52), disponibile in anteprima streaming su Discovery+.

“Torno a vestire i panni dell’investigatore dell’ignoto – racconta all’ANSA – “Questa volta intrecciando archeologia, storia, bellezza, leggende legate a celebri luoghi e monumenti d’Italia e d’Europa. Sarà un vero viaggio attraverso fatti e personaggi del nostro Paese, con qualche excursus in Europa. E con un taglio più divertente e ironico”. Set prescelto da cui lanciare i vari filmati, il Castello MacKenzie di Genova, meraviglia novecentesca oggi sede della Casa d’Aste Cambi, dove ogni scorcio, sala o grotta sotterranea sembra nascondere imperscrutabili tracce del passato. Bossari non sarà solo: al suo fianco avrà il giovane esperto di leggende e collezionista di oggetti misteriosi Giano Del Bufalo. In tutto, otto puntate alla scoperta del mistero della nascita di Venezia o dei retroscena non svelati sulla fine di Ercolano. E ancora, la vera storia della costruzione del Vallo di Adriano, i misteri della grotta di Hierapolis, considerata dagli antichi la porta dell’inferno, Baia la città sommersa, per arrivare fino in Britannia e Turchia, ai confini dell’impero romano. (ANSA).