#Diavoli e #Leonardo, targate #LuxVide, conquistano la prima serata in Usa

ANSA/ RAI EDITORIAL USE ONLY NO SALES

(ANSA) – Leonardo e Diavoli (seconda stagione), le due serie tv prodotte da Lux Vide, società del gruppo Fremantle e amatissime dal pubblico italiano sbarcano sulla tv americana e conquistano la prima serata del canale The Cw.

Ogni martedì sera a partire dalle ore 20.00 il pubblico americano potrà approfondire la storia del poliedrico artista Leonardo Da Vinci interpretato da Aidan Turner, per poi seguire alle ore 21.00, le vicende del financial thriller, Diavoli (seconda stagione), con Alessandro Borghi e Patrick Dempsey. Un segnale importante che evidenzia il valore e la qualità della serialità italiana.

“È importante e motivo di orgoglio che due prodotti interamente realizzati in Italia siano programmati su un Network americano “, commenta Luca Bernabei, Amministratore Delegato di Lux Vide, società del gruppo Fremantle. Leonardo è prodotta da Lux Vide, società del gruppo Fremantle, con Rai Fiction, Big Light Productions in associazione con France Télévisions, RTVE e Alfresco Pictures, co-prodotta e distribuita nel mondo da Sony Pictures Television, con un cast d’eccezione guidato da Aidan Turner, Matilda De Angelis e Freddie Highmore. Leonardo racconta in otto episodi/quattro serate, girati interamente in inglese, la storia di un genio la cui personalità enigmatica rimane ancora oggi un segreto avvincente.

Diavoli (seconda stagione) è una serie Sky Original prodotta da Sky Italia e Lux Vide, società del gruppo Fremantle, con Big Light Productions, realizzata in collaborazione con Sky Studios, Orange Studio e OCS. La distribuzione internazionale è di NBCUniversal che per conto di Sky Studios l’ha ad oggi venduta in più di 160 territori. È interpretata da Alessandro Borghi e Patrick Dempsey ed è diretta da Nick Hurran e Jan Maria Michelini. In Diavoli tornano i protagonisti del best seller “I diavoli” di Guido Maria Brera (edito da Rizzoli), in otto episodi, che continua il racconto, fra schegge di realtà̀ e personaggi di finzione, della silenziosa – ma dagli effetti devastanti – guerra che ha attraversato l’Occidente nell’ultimo decennio. Una guerra sotterranea, combattuta con la più̀ potente delle armi: la finanza.