Tuttalativu.it

#IlCommissarioMontalbano tornerà in onda? Le parole di Luca Zingaretti

Fiction Club · Il commissario Montalbano: L'età del dubbio, con protagonista Luca Zingaretti, in prima serata su RaiUno

Il Commissario Montalbano è una serie tv di grande successo, un vero e proprio cult in Italia (e non solo), con ascolti impressionanti su Rai1, in prima visione e perfino in replica. Tuttavia il protagonista, Luca Zingaretti, ha preferito fermarsi qui, per vari motivi. Tutti i fans dunque sono rimasti a bocca asciutta, ma chissà.

L’attore, infatti, ospite in una masterclass del Riviera International Film Festival, è tornato a parlare dell’argomento, ripercorrendo la sua storia nella serie tv e lasciando qualche speranza per il futuro. Di seguito le sue dichiarazioni, riportate dall’Ansa: “Ho conosciuto Camilleri in Accademia. Ci trattava da colleghi al suo pari e mai da studenti. Il suo più grande insegnamento, che ho fatto mio, è che non ha mai legato il valore di sé al successo che uno può avere nella vita. La più grande caratteristica del maestro invece: la capacità di raccontare l’eccezionale del quotidiano. Comperai un suo libro molto tempo prima di cominciare questa avventura. Rimasi folgorato di fronte a un personaggio meraviglioso”

Volevo acquistarne i diritti ma non avevo i soldi. Due anni dopo un produttore Carlo Degli Esposti allora quasi sconosciuto, ci vide lungo e cominciarono i mesi dei provini. Ce la feci. Chiamai Andrea dopo, mi disse non ti ci vedo ma sei bravo. Passarono altri sei mesi dedicati allo studio. Arrivò il lunedì dell’esordio. Avevo tutto in testa, ma fu un disastro perché non riuscivo a trasformare le mie idee in atti scenici. Finché non mi convinsi a chiamare proprio Andrea che alla seconda telefonata mi lapidò con un “Non mi rompere…”. Non è stato semplice, ma adesso dopo più di vent’anni posso dire che è andata come desideravo”

“Adesso ho finito. Ho affrontato una serie di lutti, la morte di Sironi, il regista a cui sono subentrato in corsa, di Andrea, era arrivato il tempo di elaborare. Mancano due libri. Forse un domani tornerò a interpretarlo non lo so, per rendere omaggio, adesso ho altre cose in ballo”