Incontro tra Dazn e il Governo: rimborso automatico del 50% del canone mensile dopo i disservizi dello scorso fine settimana

Incontro tra Dazn e il Governo: arriva il rimborso automatico
ANSA/LUCA ZENNARO

Incontro tra Dazn e il Governo: arriva il rimborso automatico

ANSA Tutelare i tifosi e avere rassicurazioni sul futuro nel minor tempo possibile nell’ incontro tra Dazn e il Governo. Questo era lo scopo del tavolo indetto dalla Sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali. L’incontro si è reso necessario dopo i disservizi di Dazn in occasione della prima giornata del campionato. Il confronto ha portato al rimborso automatico del 50% del canone mensile di tutti gli abbonati. Questo è successo dopo che, durante il weekend, non è stato possibile seguire le partite del campionato di Serie A.

Inoltre, il Governo ha ricevuto garanzia da Dazn in merito al problema tecnico che pare sia risolto e non si ripeterà. Un incontro che tutte le parti definiscono “costruttivo”. Hanno partecipato, oltre alla Vezzali e al capo dipartimento sport, Michele Sciscioli, il presidente della Lega di A, Lorenzo Casini. Con loro, anche una rappresentanza di Dazn guidata dal Ceo, Stefano Azzi, con i rappresentanti di Mise e AgCom collegati da remoto. L’indennizzo accordato arriverà all’utente entro i prossimi 15 giorni e sarà automatico.

Dunque niente più moduli come inizialmente previsto con i tifosi danneggiati che riceveranno un rimborso pari al 50% del valore del proprio canone pagato a Dazn (dunque di 10 euro o 20 euro in base al tipo d’abbonamento). La piattaforma, inoltre, ha assicurato al Governo, attraverso il responsabile tecnologico di Dazn collegato da remoto, che il problema tecnico è stato risolto e non vi è il rischio di una ripetizione delle difficoltà di visione del campionato.

E a tal proposito Valentina Vezzali esprime tutta la sua soddisfazione “per lo sforzo profuso da tutte le componenti che, ognuna per la loro competenza, ha lavorato alla ricerca di soluzioni condivise e risolutive”.

Poi è la volta di Casini che ringrazia il Governo “per l’incontro volto a tutelare tifosi e utenti” aggiungendo: “Ci sono state date ampie garanzie sulla qualità del servizio e ci hanno spiegato le ragioni, ora non dovrà più ripetersi”.