Tuttalativu.it

Massimo Giletti chiude a un ritorno in Rai? “Una parte dell’azienda lavora bene, l’altra è prona al potere”

In queste settimane si parla molto di un possibile ritorno in Rai di Massimo Giletti (qui la news). In realtà non è una novità, considerando che ogni anno si rincorrono queste indiscrezioni ma poi il conduttore resta sempre a La7. Da un’intervista rilasciata al quotidiano La Stampa, però, sembra chiudere nettamente all’ipotesi ritorno al passato.

“Il Parlamento, come giusto che sia, detiene il controllo di un’azienda pubblica. Il problema è che ai tempi di Ettore Bernabei c’erano grandi dirigenti che avevano al centro il prodotto e sapevano dire no a un certo tipo di pressioni. Oggi c’è uno scadimento di qualità e competenza nella gestione dell’azienda. Una parte dell’azienda lavora alla grande e un’altra parte è prona ai poteri politici. In una forma di vassallaggio che mi fa molta tristezza”

“Sfido chiunque dei miei colleghi a dire se Cairo abbia mai fatto una telefonata a Mentana, Floris e a tutti gli altri per chiedere qualcosa. Io sono a La7 da quattro anni e nella mia decisione per il futuro peserà il mio senso di libertà. Perché io faccio una televisione che è al limite, le battaglie che ho fatto contro Bonafede e le scarcerazioni dei mafiosi o quella che ho fatto, isolato, contro Arcuri, non avrei mai potuto farle altrove”

Insomma, diciamo che il ritorno in Rai è praticamente impossibile. A meno che non cambi idea nei prossimi mesi…