Crea sito
Tuttalativu.it

#Mediaset: approvati risultati del primo trimestre 2021, ascolti e dati economici in crescita

Twitch vs Mediaset: dovranno essere rimossi i video di Amici e L'isola dei famosi

Mediaset ha appena annunciato e approvato i dati relativi al primo trimestre 2021. In un contesto ancora fortemente condizionato dalla pandemia, gli ascolti sono in crescita e l’utile netto è superiore al primo trimestre 2020 e anche al primo trimestre 2019, la raccolta pubblicitaria è in forte ripresa con uno straordinario scatto ad aprile. Di seguito le parti salienti del comunicato stampa dell’azienda:

“Pur in un contesto generale ancora fortemente condizionato dall’emergenza Covid, il Gruppo Mediaset ha conseguito un significativo incremento dei risultati rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, ottenendo un utile netto consolidato superiore non solo a quello del primo trimestre 2020 ma anche a quello del pari periodo 2019 mantenendo inoltre una forte generazione di cassa. Su tali risultati ha inciso l’accelerazione superiore alle aspettative dei ricavi pubblicitari in Italia con un incremento del +6,1% nel primo trimestre dell’esercizio rispetto allo stesso periodo del 2020 (che era stato toccato solo in marzo dall’effetto Covid): si tratta del terzo trimestre consecutivo con raccolta pubblicitaria in crescita. In Spagna invece il mercato pubblicitario ha registrato un andamento meno brillante, soprattutto nei primi due mesi: marzo vede infatti i primi segnali di ripresa. Da segnalare infine la decisa azione di controllo costi che risultano infatti complessivamente inferiori sia a quelli del primo trimestre 2020 sia a quelli del pari periodo 2019. Di seguito, ecco la sintesi dei principali risultati del primo trimestre 2021:
• I ricavi netti di Gruppo ammontano a 634,2 milioni di euro rispetto ai 682,1 milioni del primo trimestre 2020. In particolare, i ricavi in Italia sono stati pari a 450,2 milioni di euro rispetto ai 452,4 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. In Spagna i ricavi ammontano a 184,0 milioni di euro rispetto ai 229,8 milioni del 2020

Quanto ai ricavi pubblicitari, hanno ovviamente dovuto fronteggiare gli effetti Covid in atto ovunque nel mondo. Tuttavia in Italia, con un risultato molto significativo e in controtendenza rispetto all’andamento negativo del mercato (-1,4%), i ricavi pubblicitari sono cresciuti a 453,5 milioni di euro rispetto ai 427,5 milioni dell’esercizio precedente. In Spagna si sono attestati a 171,0 milioni di euro rispetto ai 202,8 milioni dell’esercizio precedente.
• I costi operativi complessivi consolidati (costi del personale, costi per acquisti, servizi e altri oneri, ammortamenti e svalutazioni di diritti e di altre immobilizzazioni) ammontano a 566,3 milioni di euro, in forte calo rispetto ai 640,6 milioni del primo trimestre 2020 (-11,6%). In Italia, in particolare, i costi sono diminuiti a 429,6 milioni di euro, in frenata sia rispetto ai 472,7 milioni del 2020 sia rispetto ai 480,3 milioni del 2019. Forte calo anche in Spagna dove i costi operativi complessivi sono stati pari a 136,8 milioni di euro rispetto ai 168,1 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente.
• Il Risultato operativo (Ebit) di Gruppo è pari a 67,9 milioni di euro in netta crescita rispetto ai 41,6 milioni del primo trimestre 2020. In Italia l’Ebit è positivo per 20,6 milioni di euro rispetto alla perdita di -20,4 milioni del pari periodo 2020 (un risultato 2021 superiore anche a quello del primo trimestre 2019 che era stato positivo per 11,9 milioni). In Spagna l’Ebit si attesta a 47,2 milioni di euro rispetto ai 61,8 milioni del primo trimestre dello scorso esercizio.
• Il risultato netto consolidato è positivo per 52,5 milioni di euro, un dato decisamente superiore ai 14,6 milioni del pari periodo 2020 ma anche ai 36,7 del primo trimestre 2019.
• L’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2021 è pari a 975,2 milioni di euro rispetto ai 1.064,4 milioni di inizio periodo. Escludendo le passività rilevate a partire dal 2019 ai sensi dell’IFRS 16 e gli esborsi per le partecipazioni in ProsiebenSat.1, l’indebitamento risulta pari a 385,6 milioni di euro rispetto ai 473,6 milioni del 31 dicembre 2020.
• La generazione di cassa caratteristica (free cash flow) continua a essere brillante e si attesta a 177,5 milioni di euro rispetto ai 182,2 milioni dei primi tre mesi 2020.

ASCOLTI TELEVISIVI

Nei primi tre mesi 2021 le reti Mediaset confermano una netta leadership sul target commerciale sia in Italia sia in Spagna nonostante il deciso controllo dei costi. In Italia, Mediaset è leader indiscusso sul target commerciale 15-64 anni in tutte le principali fasce orarie con un picco del 34,7% di share nelle 24 ore. Da segnalare il primo posto di Canale 5 e il terzo posto di Italia 1 sul target commerciale in tutte le fasce orarie. In Spagna, le reti del Gruppo mantengono la leadership assoluta nelle 24 ore con il 27,8% di share. Telecinco si conferma rete spagnola più vista nel totale giornata (15,1%).

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

La raccolta pubblicitaria del mese di aprile ha registrato sia in Italia che in Spagna un andamento particolarmente sostenuto in confronto allo stesso mese 2020, uno dei più pesantemente colpiti dall’emergenza pandemica. Questo risultato, unito al presumibile trend analogo dei mesi successivi, dovrebbe determinare un incremento della raccolta del Gruppo del primo semestre dell’anno significativamente superiore a quello ottenuto nel primo trimestre. In particolare, i ricavi pubblicitari complessivi di Mediaset in Italia nei primi quattro mesi del 2021 hanno registrato una crescita superiore al 21% rispetto allo stesso periodo del 2020, con una performance straordinaria nel mese di aprile, praticamente doppia rispetto a quella dello scorso anno. Il secondo trimestre del 2021 dovrebbe quindi risultare il quarto consecutivo con raccolta pubblicitaria in crescita in Italia. Anche in Spagna dopo i primi segnali di ripresa del mese di marzo, si assiste a un andamento altrettanto straordinario: ad aprile il mercato pubblicitario televisivo è infatti cresciuto di oltre il 150% rispetto all’aprile 2020. Pur in un contesto ancora fortemente incerto, la situazione economica generale nei prossimi mesi dovrebbe quindi evolvere in direzione di un progressivo miglioramento, trainata dalle campagne vaccinali e dall’attenuarsi delle restrizioni ancora vigenti. Sulla base di tali evidenze e grazie al mantenimento di una costante azione di controllo dei costi, il Gruppo conferma per il 2021 l’obiettivo di rafforzare ulteriormente i risultati economici e la generazione di cassa caratteristici consolidati. I risultati beneficeranno inoltre dei proventi che saranno riconosciuti da Vivendi il 22 luglio 2021, data di closing degli accordi transattivi stipulati lo scorso 3 maggio: ovvero il pagamento del risarcimento di 1,7 milioni di euro indicato nella sentenza del Tribunale di Milano (procedimento 47205/2016) e di quello di 26,3 milioni di euro legato al contenzioso Dailymotion. In più, da segnalare il perfezionamento in data 30 Aprile della cessione di Towertel da parte di EI Towers (partecipata al 40% da Mediaset), operazione che genererà nel secondo trimestre una plusvalenza lorda pro-quota per Mediaset stimabile in circa 89 milioni di euro. Mediaset ha inoltre incassato in data 30 aprile da EI Towers dividendi per 133,9 milioni di euro. Infine, a seguito delle deliberazioni che saranno assunte dalle Assemblee Straordinarie convocate per il prossimo 27 maggio e 23 giugno Mediaset punta a dare esecuzione nella seconda parte dell’anno al processo di trasferimento della propria sede legale in Olanda, funzionale alla creazione di un Gruppo in grado di competere su scala internazionale rafforzando in pari tempo la presenza industriale in ambito nazionale.