Presentato il nuovo day-time della #Rai: offerta ricca e variegata sulle varie reti

ANSA/ANGELO CARCONI

ANSA – “Cronaca, attualità, racconto del territorio ma anche, divertimento, temi vicini ai cittadini, alle loro gioie e alle loro speranze. Questa è la prima conferenza stampa di genere e lavoriamo tutti insieme su tre reti. Grazie a loro la Rai è la più grande azienda socioculturale del Paese”. La direttrice del day time Rai Simona Sala ha presentato i programmi della nuova stagione ai blocchi di partenza tra conferme, molte, e novità, con tutti i protagonisti, tra presenti a viale Mazzini e chi in collegamento.

La prima a collegarsi è Mara Venier che annuncia la sua 14a Domenica In, dall’11settembre, ma anche la sua conferenza stampa del contenitore domenicale di Rai1 per il 9 settembre. “In autunno – ha detto la direttrice – il mattino si aprirà in collaborazione con le News, con uno spazio rinnovato”. Su UnoMattina ha ricordato: “Abbiamo Massimiliano Ossini, un conduttore gentile. Sono 50 minuti di trasmissioni sui temi che ci vengono dal Paese, saremo come una spugna”. Eleonora Daniele è emozionata: “sono 10 anni di Storie Italiane, un programma che noi abbiamo costruito con gli autori e le persone dietro le quinte che non sono cambiati. Anni in cui iamo stati a servizio del pubblico”. Antonella Clerici anche lei collegata, di E’ Sempre Mezzogiorno dice “la cucina è sempre al centro del racconto, che si dipana tra giochi, interviste, amici che ci vengono a trovare e un approccio sempre più green. Quest’estate mi hanno detto che siamo un antidepressivo naturale. Io mi rivolgo prevalentemente alla provincia”.

Serena Bortone su Oggi è un Altro Giorno, che parte prima per sondare la questione politica: “Ricominciamo con grande orgoglio, con la gioia di aver incrementato il pubblico della fascia oraria. Cominciamo il 5 settembre (dal lunedì al venerdì alle 17) con l’idea di essere autentici, profondi e leggeri”. Alberto Matano rileva “E’ il mio quarto anno a La Vita in Diretta e partiamo con una grande responsabilità e l’amore del pubblico. Nel tempo abbiamo cambiato tutto, quest’estate la gente mi ha dimostrato grande affetto, il patto si rinnova. Uno sguardo attento sul paese, con dirette, inviati, approfondimenti.  La porta è aperta per tutti i colleghi che vorranno venirci a trovare”. Il daytime di Rai 1 si concluderà con Reazione a Catena. Marco Liorni “noi andremo avanti fino a ottobre, ora faremo delle prove con nuove luci in studio più adatte all’autunno. Poi ci sarà anche Italia sì in onda il sabato dal 17 settembre alle 17, e dal 19 novembre alle 14″.

Flavio Insinna, tornerà poi, dal 31 ottobre, tutti i giorni con L’Eredità: “Ventunesima edizione. E’ un classico ma le novità ci vogliono perchè diventare una rottura di scatole è un attimo”. “Speriamo di essere ancora all’altezza di quel “tu ceni a casa mia” che ci scrivono le persone, non amo chiamarle pubblico. Noi abbiamo una missione interna: siamo una catena: se va bene uno il primo programma della giornata va bene tutto. Per noi la grande responsabilità dopo la ghigliottina è dare la linea al Tg1, è un grande orgoglio”. Sala su questo passaggio osserva: “Ci possono essere simpatie e antipatie, ma l’azienda è questa una grande squadra”.  Francesca Fialdini: “A Ruota Libera, siamo felici di poter dire che siamo arrivati alla quarta stagione, è il poterci ascoltare, da noi non ci sono barriere ideologiche, noi cerchiamo di scardinare il giudizio degli altri e le loro aspettative”.

Michele Guardì, che “ha lavorato bene con 19 direttori editoriali della Rai” e fa da cerniera tra le varie reti con i suoi programmi. Dice: “Io sono e sono stato sempre innamorato della Rai, da bambino. I Fatti Vostri quest’anno festeggia 32 anni ed è il programma più longevo del mezzogiorno in tutta Italia. E io devo ringraziare Salvo Sottile, Anna Falchi e Broccoli per quello che hanno fatto, per i risultati ottenuti”. Pierluigi Diaco, che parla di Bellamà: “Penso di stare in una collocazione e in una sfida che mi assomiglia più di tutte le altre fatte”. Mia Ceran, Nei tuoi Panni: “Abbiamo pensato a una trasmissione di ascolto. Siamo tutti più collegati e connessi ma ci capiamo meno, siamo inclini a dare giudizi anche violenti, e allora abbiamo pensato di creare uno spazio che fosse un luogo di empatia”.

Elisa Isoardi: “Cuore, famiglia e territorio, queste le parole chiave del mio programma Vorrei Dirti che“. Citofonare Rai 2. Simona Ventura: “Programma bellissimo, che confermiamo. Riapriamo casa nostra con i grandi classici”. Paola Perego: “Avremo Antonella Elia in giro per l’Italia a raccontare le storie d’amore”.Su Rai 2, tra altri programmi confermati, ci sarà un nuovo game il sabato alle 14 che si intitola “Ti sembra normale?. (ANSA).