Tuttalativu.it

Palinsesto speciale per #Rai e #Mediaset in occasione del 76° anniversario della Liberazione

 

ln occasione del 76° Anniversario della Liberazione, Rai e Mediaset propongono un palinsesto speciale, ricco di appuntamenti per celebrare questo importante avvenimento. Di seguito il comunicato stampa con i dettagli:

MEDIASET (RETE 4)
I protagonisti della campagna “Racconti della Liberazione” sono Giuseppina Marletta, di Genova, nonna di Giacomo Saccomanno; Piera Salinelli, di Gaggiano, in provincia di Milano, nonna di Francesca Rovati; Gianni Balzarini, di Ternate, in provincia di Varese; Samuele Colajanni, di Milano.
A seguire, la programmazione di Retequattro dedicata al 25 Aprile:
09:50 RACCONTI DELLA LIBERAZIONE
12:30 RACCONTI DELLA LIBERAZIONE
14:10 RACCONTI DELLA LIBERAZIONE

14:15 MUSSOLINI – ULTIMI GIORNI – Dopo la fine del fascismo sono continuati i misteri riguardanti gli ultimi istanti della vita di Mussolini. Il documentario ripercorre le “tre morti” del dittatore: quella politica, avvenuta in seguito allo sbarco delle truppe alleate in Sicilia nell’estate 1943; quella simbolica, quando il suo cadavere venne linciato dalla folla in piazza Loreto a Milano il 29 aprile del 1945; e quella fisica, quando venne ucciso dopo la cattura da parte dei partigiani sulle sponde del Lago di Como in circostanze mai chiarite.
15.30 LA CIOCIARA – Capolavoro di Dino Risi, con protagonista Sophia Loren. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Cesira si rifugia con la figlia nel paese natale per sfuggire ai rastrellamenti e si innamora di Michele. Quando decide di tornare a Roma, succede qualcosa che cambierà per sempre la vita delle due donne.
01:35 MILANO, 26 APRILE 1945 – Milano, aprile-maggio 1945: selezione dei cinegiornali proiettati nelle sale negli anni Sessanta.
02:00 DIECI ITALIANI PER UN TEDESCO – Marzo 1944: 12 militari tedeschi muoiono in un attentato compiuto dai partigiani in via Rasella, a Roma. La rappresaglia porterà alla tragedia delle Fosse Ardeatine, dove verranno uccisi 335 tra civili e militari.
RETI RAI 
Rai1 – Domenica 25 aprile, dalle 8.30, spazio alla Festa della Liberazione in “Uno Mattina in famiglia”. Alle 12.15, dal Palazzo del Quirinale la Cerimonia per la Celebrazione del 76° Anniversario della Liberazione, a cura del Tg1 in collaborazione con Rai Quirinale. Alle 23.30 Speciale TG1 – Milano in guerra.  Il documentario racconta la storia di Milano durante il secondo conflitto mondiale. La vita quotidiana dei milanesi: I bombardamenti, la fame, il razionamento, gli sfollati. E poi gli scioperi del marzo 1943, la caduta del fascismo, l’armistizio, l’occupazione nazista e i il periodo della Repubblica Sociale Italiana.
Rai2 – Alle 8.15 “Sorgente di vita” dedicherà due servizi all’Anniversario della Liberazione
Rai3 – Alle 8.50 La Grande Storia Anniversari propone “Italia Libera. Storia di una formazione partigiana” di Peter Freeman e Chiara Colombini. Un viaggio sui luoghi della Resistenza, nelle valli e nelle montagne del Cuneese, attraverso il racconto che ne fecero alcuni dei protagonisti: Nuto Revelli, Dante Livio Bianco, Duccio Galimberti, Giorgio Agosti.
Celebrano l’anniversario anche “Mezz’ora in più”, alle 14.30, con Lucia Annunziata e “Che tempo che fa”, dalle 20.00, con Fabio Fazio che già domenica 18 aprile ha ospitato Gad Lerner per illustrare il Memoriale della Resistenza Italiana promosso dalla Presidenza nazionale ANPI.
RaiNews24 – La Testata seguirà gli eventi organizzati a Roma e Milano per la Festa della Liberazione e trasmetterà in diretta – dalle 9.55 – la deposizione di una Corona d’alloro all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica.
Tgr – Servizi e approfondimenti nella rubrica “RegionEuropa”, alle 11.30, e in tutti i notiziari della Testata Regionale, in particolare nelle edizioni di Lombardia, Abruzzo, Emila Romagna, Puglia, Sicilia
Tutte le Testate Rai dedicheranno ampi spazi informativi all’Anniversario nelle rispettive edizioni dei Telegiornali
Rai Premium – Alle 19.10 il film “Salvo d’ Acquisto” di Alberto Sironi, con Giuseppe Fiorello.
All’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943 la coraggiosa scelta di Salvo D’Acquisto, un ragazzo di ventitré anni, Vicebrigadiere dei Carabinieri, che sacrifica la vita per salvare ventidue innocenti condannati a morte dalle SS.
Rai Movie – Alle 21.10 “Miracolo a Sant’Anna” di Spike Lee, con Derek Luke, Pierfrancesco Favino, John Turturro e Joseph Gordon-Levitt. A Sant’Anna di Stazzema, durante la Seconda Guerra Mondiale, quattro soldati afroamericani rimangono isolati dietro le linee nemiche dopo aver salvato un bambino. A seguire “Cognome e nome: Lacombe Lucien” Regia di Louis Malle, con Pierre Blaise, Aurore Clément, Ave Ninchi e Holger Lawenadler. Nella Francia del 1944. Lucien si unisce ai nazisti, ma si innamora di una ragazza ebrea.
Rai 5 – Alle 15.50 Ascanio Celestini interpreta “Radio Clandestina”, uno dei suoi spettacoli più intensi, in cui ricostruisce i giorni che precedono e seguono, a Roma, l’eccidio nazista delle Fosse Ardeatine. Quel tragico evento è il cuore di un racconto che si allarga nei tempi e nei contorni geografici; una piccola storia di Roma e d’Italia fatta di incontri e di trasformazioni urbanistiche violente, di guasti irreparabili e di ferite inferte dal fascismo.
Rai Storia – Dedicata alla Liberazione l’intera giornata a partire da “Il giorno e la Storia” a mezzanotte con repliche successive e, dalle 8.30 fino alle 20.00, “La lunga liberazione”, il racconto, narrato da Carlo Lucarelli senza soluzione di continuità, delle tappe cronologiche e geografiche che hanno portato il nostro paese alla liberazione dal nazifascismo e alla riconquista della libertà. Alle 20.30 “Passato e Presente” analizza “”Gli Scout e la Resistenza”, mentre in prima serata, la nuova serie “SeDici Storie” debutta con “Ines e Stefano. Una storia di amore e di resistenza” e “Fuga da Lipari”. Il primo è la storia di due antifascisti rivissuta attraverso lettere e diari, il secondo rievoca la nascita del movimento antifascista “Giustizia e Libertà”.
Alle 22.10, il film di Paolo e Vittorio Taviani “Una questione privata”, sulle  vicende di amore e di guerra del giovane partigiano Milton. Il portale web di Rai Cultura, inoltre, propone un Web doc che ricorda l’anniversario anche con lo Speciale “25 Aprile – Liberi!”, in collaborazione con l’Istituto Nazionale Ferruccio Parri-Rete degli Istituti per la Storia della Resistenza.
Rai Scuola – Alle 19.30 “Scrivere la Resistenza: Italo Calvino con Alberto Asor Rosa”. Lo storico e critico della letteratura analizza “Il sentiero dei nidi di ragno” di Calvino, sulle vicende partigiane viste con gli occhi di un ragazzino. Sul sito di Rai Scuola, inoltre, docenti e studenti, potranno approfondire le fasi storiche che portarono alla Liberazione della Penisola, attraverso il Percorso didattico “Paesaggi della Memoria”, realizzato in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Ricerca per l’Innovazione della scuola italiana.
Rai Gulp – Alle 17.15 #Explorers Community ospita il confronto tra la staffetta partigiana Teresa Vergalli, e alcuni giovanissimi. Un appuntamento fatto da ragazzi, che nonostante la quarantena, dalle loro case dialogheranno sul significato ancora oggi della Festa che ricorda la liberazione dell’Italia dal nazifascismo, la fine della guerra, l’avvio di un cammino di diritti, di crescita nella pace, di libertà.
RaiPlay – Ampia offerta in Home Page, e nelle fasce Da Non Perdere e Film, Documentari, Learning e Teche. La fascia Teche proporrà per la prima volta lo sceneggiato del 1974 in 3 puntate “Quaranta giorni di libertà”. Nella sezione Film verranno pubblicati “Una questione privata” dei fratelli Taviani (2017), tratto dal romanzo di Fenoglio, e “I sette fratelli Cervi” (1968). La sezione Fiction prevede “Il generale Della Rovere”, “Salvo D’Acquisto” e “Don Pietro Pappagallo – La buona battaglia”, mentre nella sezione Documentari ci sarà “The forgotten front – La Resistenza a Bologna” (2020). RaiPlay Learning pubblicherà una collezione strutturata in 3 diverse playlist, per raccontare la storia di donne e uomini coraggiosi che hanno combattuto il regime Nazifascista. Nella sezione Teatro, infine, non mancheranno i contributi di Luca Zingaretti e Gigi Proietti, interpreti della poesia romanesca “Mio padre è morto a 18 anni” partigiano di Roberto Lerici.