Tuttalativu.it

Sabrina Ferilli presenta #svegliatiamoremio: “Non si possono fare solo commedie, importante accendere un faro”

Live sabato 20 marzo 2021 · Amici 20 prima puntata. Condotto da Maria De Filippi, il talento show ritorna in onda in prima serata su Canale5

Stasera, in prima serata su Canale5, partirà Svegliati amore mio, nuova fiction con Sabrina Ferilli protagonista. Dopo il grande successo de L’Amore Strappato, oltre che delle sue precedenti serie tv, l’attrice torna protagonista, accendendo un faro su un altro tema importante.

Grazie all’intervista rilasciata al Corriere della Sera, di cui leggiamo un estratto, possiamo conoscere qualche dettaglio in più sulla fiction. Nanà (interpretata da Sabrina) è una mamma forte, che non si arrende facilmente e ha un profondo senso di giustizia. Un giorno purtroppo scopre che sua figlia Sara è malata: ha la leucemia, una brutta bestia. Una malattia causata dall’acciaieria Ghisal, presente vicino la loro abitazione. Le polveri, il fumo, il veleno che esce da quella fabbrica fa del male a molta gente. La fiction è ambientata nell’Italia del Sud, senza riferimenti precisi, ma viene naturale parlare di Taranto, oltre che di altre città.

“Gli autori hanno incontrato una donna che vive in uno dei tanti luoghi dove si trova un’azienda siderurgica” – dice Sabrina –  “Hanno raccolto molte testimonianze e poi hanno costruito magistralmente questa storia, grazie all’intuito narrativo di Simona Izzo e alla sapienza registica di Ricky Tognazzi. Ho l’abitudine di avere un contatto diretto con le persone di cui racconto le vicende, ma alla fine del lavoro, per non condizionare la mia interpretazione”

Ciò che conta è accendere un faro su un problema che si spera arrivi, prima o poi, a una soluzione. La fiction si concluderà con un messaggio positivo, che vuole essere un augurio. La mia attenzione per temi politici e sociali c’è sempre stata, poi è capitato che Mediaset mi proponesse questi progetti. Non si possono fare solo commedie. Trovo meritevole che questo genere di forti denunce sociali venga realizzato senza timori da una tv privata