Tuttalativu.it

#Sanremo2021: i discografici propongono di lasciare il Teatro Ariston. Si riapre il tema: va ancora bene?

Nelle scorse ore i discografici hanno fatto una proposta riguardante il Festival di Sanremo: lasciare il Teatro Ariston o addirittura la cittadina ligure. Così facendo si è riaperto un tema sempre molto dibattuto in questi anni.

Enzo Mazza, presidente Fimi (federazione che riunisce le major discografiche Sony, Universal, Warner e Bmg) al Corriere della Sera dichiara che la priorità quest’anno non può che essere la salute, con l’evento che deve svolgersi necessariamente nella massima sicurezza. Di conseguenza dice: “Il Teatro Ariston è stato costruito negli anni 50 e già in periodi normali ha mostrato i suoi problemi strutturali. Si potrebbe pensare di allestire una tensostruttura in un’altra zona della città. Il teatro è sostituibile. Per il pubblico la gara di inediti non è inficiata dalla location che la ospita”.

Non solo, perché Mazza si spinge oltre: “Un evento televisivo come questo può essere realizzato ovunque. Penso ad esempio al Forum di Assago. La Rai ha una capacità incredibile di organizzare eventi tv. Se quest’anno è cambiata la prima della Scala, trasformata in spettacolo tv, può accadere anche a Sanremo“.

Questa proposta riapre il tema sul Teatro Ariston: nel 2021 va ancora bene per un evento del genere o sarebbe meglio spostarlo altrove? Il teatro è molto vecchio e piccolo e, come dichiarato da molti, non garantisce le condizioni ideali per il Festival, con centinaia di persone coinvolte. Del resto anche Paolo Bonolis sostiene che andrebbe cambiata la location. Si potrebbe creare una tensostruttura o un palazzetto, sempre nella città di Sanremo, così da consentire un miglior svolgimento del Festival, con la possibilità di sfruttare la struttura per tutto l’anno per concerti, spettacoli e magari anche per show Rai.

Il Teatro Ariston potrebbe continuare a essere usato per Dopofestival, Domenica in, Sanremo Giovani e programmi del daytime. Tutto rimarrebbe nella cittadina ligure, ma lo spettacolo verrebbe nettamente migliorato. E anche dal punto di vista economico sarebbe una mossa giusta. Avverrà in futuro?