Tuttalativu.it

Soap & Novelas: #IlSegreto Decima storia inedita · TOMAS E ALICIA, L’AMORE VINCERÀ?

Il Segreto Decima storia inedita, la storia continua … “Alicia dice addio a Tomas?”

Soap&Novelas: Il Segreto Ottava Storia Inedita AURORA E LUCAS ANCORA INSIEME. A PUENTE VIEJO TORNA BEATRIZ DOS CASAS! SARÀ GUERRA CON MARCELA?

Dal mese di novembre 2020, in esclusiva mondiale vi proponiamo le storie inedite dei personaggi più amati della telenovela. Nel corso delle stagioni in tanti hanno lasciato Puente Viejo in cerca di un futuro migliore, chi per sfuggire a pericolosi nemici, chi per costruirsi una nuova vita. Ci siamo chiesti spesso cosa sia accaduto ai nostri beniamini. Il nostro blog vi svelerà in anteprima il loro destino con racconti nuovi, emozionanti e avvincenti per non abbandonare mai le vicende di Puente Viejo. E lo facciamo con questo post dedicato a Il Segreto, Decima storia inedita

Il Segreto · L’addio di Alicia

MATIAS È SCONVOLTO DALLE NOTIZIE CHE RIPORTA ALICIA DALLA RIUNIONE AVUTA CON I SINDACI DEI PAESI CONFINANTI CON PUENTE VIEJO: A QUANTO PARE, NON DARANNO AIUTI PER LA RICOSTRUZIONE MA ACCOGLIERANNO QUANTI, FRA GLI ABITANTI, VORRANNO TRASFERIRSI NEI LORO COMUNI. ANCHE TOMAS DE LOS VISOS SEMBRA ATTERRITO: IL SUO, PERÒ, È UN DOLORE PIÙ PROFONDO, LEGATO AL RAPPORTO CON ALICIA.

PUENTE VIEJO 1931

Le domande di Matias e Marcela si infrangono contro il muro di silenzio di Tomas. Vuole che sia Alicia a raccontare le novità, ma è evidente che gli manca il coraggio per dare spiegazioni. Non appena si ritrovano di fronte Alicia, Matias e Marcela, si lanciano a interrogarla, agitati dalla disperazione. È finita, abbiamo perso. Dobbiamo ammettere la nostra sconfitta; non abbiamo trovato l’appoggio pubblico nè il capitale privato per ricostruire Puente Viejo. E nella riunione con i sindaci mi hanno fatto un’offerta molto generosa perchè passi ai vicini… A questo punto del racconto Matias è gia furioso ma Marcela lo calma con un gesto perchè lasci parlare la sindaca; Matias si morde le labbra invece Tomas rimane dolorosamente in secondo piano.

“Mi hanno chiesto che li rappresenti nella Capitale. Che sia un portavoce delle richieste del popolo, che lotti da lì perchè tutti qui stiano meglio. Dovrei trasferirmi a Madrid… I sindaci offrono di accogliere chi decida di trasferirsi alla Puebla, Munia e Villalpanda. Procureranno una casa o un lotto di terreno in cui costruire. Inoltre, chi voglia aprire un’attività o rimanere con qualcuno che la voglia cedere, li aiuteranno.” Matias dice che così sarebbe la fine di Puente Viejo ma Alicia continua dicendo che ormai la fine di Puente Viejo è gia lì e che se non se ne andranno finiranno per cacciarli. Il Castaneda cerca l’approvazione di Tomas e Marcela ma i due abbassano lo sguardo.

È evidente, dalla mancanza di reazione di Tomas e Marcela, che per loro non è cosi chiaro; Alicia insiste “Dobbiamo essere regionevoli, e non compete a noi prendere decisioni per gli altri. Hanno il diritto di conoscere l’offerta e agire di conseguenza.” Alicia sottolinea la sua posizione incalzando Matias; “Sei stato tu a dirmi, una volta, che non si devono mettere le idee avanti le persone. Questo è il caso.” La riunione si scoglie malamente, con Matias che se ne va irato e Tomas che si scusa di non poter accompagnare Alicia. Tutti se ne vanno con un boccone amaro in bocca.

Manuela viene a sapere della proposta dei paesi vicini da Delfina, una delle ragazze che lavorano alla Villa. Un gruppetto di venditori ambulanti della zona si stanno dando da fare per offrire aiuto. Tra le grida dei commercianti per attirare la clientela le ha raccontato tutto e, non appena terminato, corre per dirlo a Don Ignacio. “Si dice che la riunione che ha convocato Alicia sia per offrire una rilocazione molto vantaggiosa nei villaggi per tutti gli abitanti.” “Così potranno spartirsi la fine di Puente Viejo. Le terre che cominciano a essere coltivabili dopo tutto questo tempo, la miniera, tenute come questa, per non parlare dei proventi dell’accesso diretto al fiume e alla montagna” dichiara Don Ignacio che con fermezza aggiunge che nessuno fa niente per niente.

Manuela si da forza per domandare qualcosa che le è girato per la mente tutto il giorno e non ha ancora avuto il coraggio di chiedere fino ad ora. “Cosa faremo noi?” “Ti ho promesso che saremmo rimasti, ma le circostanze sono quelle che sono. Ora che Beatriz Dos Casas è stata smascherata, non abbiamo alcuna possibilità di ricostruire Puente Viejo.” dice il Solozabal. Manuela sospira, c’è qualcosa che la preoccupa ma tenta di dissimulare “Aspettiamo che sia Alicia a dirci che fare, vediamo come reagisce la gente e poi decideremo.” Ignacio è d’accordo con lei; i due si scambiano uno sguardo e una carezza affettuosa che dovrebbe tranquillizzarli. Manuela sente però, che il suo futuro assieme a Don Ignacio è appeso a un filo.

Le cose, all’assemblea, vanno nel verso che Don Ignacio aveva intuito. Alcuni degli abitanti sono arrivati con la decisione già presa in base alle voci. La maggior parte ha intenzione di andarsene e non c’è stato modo di far loro cambiare opinione. Il resto, quelli che vogliono restare, sono solo tre famiglie che hanno chiesto tempo per riflettere. E Matias Castaneda, ovviamente. Matias è l’unico che nega di ammettere che questa sia la fine di Puente Viejo e comincia a preparare la Locanda per la riapertura che tutti, tranne lui, sanno che no avverrà. Alicia tenta di farlo ragionare ma non fa altro che pensare a Tomas. Le manca anche quando discute con Dolores Miranar; lei e la sua famiglia sono stati gli ultimi a cedere, ma ora prenderanno in carico un magazzino di frutta e verdura nei dintorni de La Puebla.

“Non sarà come la Drogheria. Chiuderla è una grande pena, come se ci tagliassero un braccio ma… ce ne intendiamo e andremo avanti con questa attività. Hipolito e Tiburcio hanno revisionato i conti degli ultimi anni e sembra che potremmo avere margini di miglioramento.” dice Dolores. Alicia risponde di essere contenta ed emozionata per loro. Dolores poi domanda se Tomas ha intenzione di partire con lei a Madrid e la Sindaca risponde che non lo sa ancora. Quello che vorrebbe dire Alicia, in realtà, è che ha intuito che l’uomo non vuole accompagnarla in questa avventura.

Il Segreto Anticipazioni del 12 ottobre 2019: Dolores distrutta dal dolore

La sera sta per diventare notte quando Alicia incontra Tomas: sta sgombrando le macerie all’entrata principale dell’Habana. La discussione ha inizio e gli animi si surriscaldano e Tomas domanda “Cosa sono per te, Alicia? Cosa senti per me, se a questo punto senti qualcosa?” “Sento quello che le circostanze mi permettono. Quello che posso, data la situazione che ci è toccato vivere. Così come ti avevo già detto e finora ti era bastato, finchè non mi hanno proposto di andare a Madrid.” risponde Alicia.

Il modo in cui Tomas risponde, senza lasciarle nemmeno finire la frase, mette in evidenza che ha qualcosa contro Alicia. “Non me lo hai nemmeno chiesto, non mi hai tenuto in considerazione. Sai per quale motivo? Perchè non vuoi che ti accompagni, perchè mi consideri un peso. Pensi di essere arrivata fino a qua da sola e non vuoi che nessuno rubi il tuo momento di gloria.”

Alicia non riconosce Tomas che continua dicendo “Chi non ti riconosce sono io. Suppongo che avrei dovuto dar retta a mia madre quando mi aveva avvertito su di te. Lei aveva molti difetti, ma non si sbagliava mai sulle persone.” Alicia sente che il cuore si spezza in mille pezzi; ogni parola di Tomas le si conficca nell’anima come il più doloroso dei coltelli. Si volta e si mette a camminare, delusa come non mai. Se si fosse voltata, avrebbe visto lo sguardo che Tomas le manda: non sentiva nulla di quello che ha detto, ma vuole solo lasciarla libera senza che si debba far carico di lui. Un sacrificio di cui non è affatto convinto.

Quella stessa notte Tomas incontra Hipolito in piazza. Il figlio di Dolores sta traslocando in quella che sarà la nuova casa di famiglia. Nel veder passare Tomas con l’aria di chi ha l’animo in pena, si avvicina. Qualche ora prima ha detto addio ad Alicia e gli è parso che sotto il sorriso con cui salutava tutti si celasse una grande tristezza. Poi scopre che non si tratta di una coincidenza: Tomas gli racconta tutto quello che è successo e le ragioni che lo hanno spinto a lasciare Alicia libera. Un piano che gli appare peggiore ogni ora che passa. Hipolito è tagliente: “Tomas hai preso un abbaglio. Non vuoi lasciare Alicia e il tuo piano è un disastro, il peggior piano possibile!”

Hipolito cerca di essere il più convincente possibile “Smettila con queste stupidaggini e vai da lei con il cuore in mano. Corri, l’autobus può avere ore di ritardo e lei potrebbe trovarsi ancora alla fermata.” Tomas si convince e prima di partire correndo Hipolito dice un’ultima cosa “Corri e abbracciala forte quando la trovi!”

Tomas capisce che non sarà affatto facile scusarsi con Alicia. Quando si presenta alla fermata dell’autobus, non c’è nessuno. La stazione di Munia è troppo lontana per andare a piedi e allora il ragazzo corre da Julio: sa che la sua bicicletta è la sua unica possibilità. Dopo averlo pagato con qualche banconota, Tomas se ne va pedalando verso la stazione di Munia: sa che ci sono ancora tanti chilometri davanti a sè per decidere cosa dire quando rivedrà Alicia. Il tragitto è più accidentato di quando Tomas avesse previsto e infatti è caduto più volte. Quando arriva alla stazione scopre che il treno per la prima volta nella storia non aveva fatto alcun ritardo. Vuole andare a Madrid: un desiderio impossibile dato il costo troppo alto del prossimo treno.

Intanto, Alicia non riesce ad abituarsi al ritmo di questa Madrid vibrante, eccitata per il nuovo cambio di regime e dalla voglia di dare un Paese migliore per tutti. Dopo pochi giorni nella Capitale si è sforzata di non passare molto tempo al chiuso. Quando passa per il centro storico, pensa ai suoi genitori e alla loro morte e si rattrista. E triste anche per qualcosa che ha lasciato a Puente Viejo: Tomas de Los Visos. Non ha smesso di sognarlo dalla prima notte in cui si sono separati; per questo quando lo vede non sa come reagire. L’istinto di protezione dura qualche secondo e i due si fondono in un abbraccio. Tomas confessa alla donna di non provare nulla di ciò che ha detto e che riteneva di doverla lasciare libera si seguire i suoi ideali.

Alicia è molto contenta e Tomas dice “Ti ho seguito poche ore dopo la tua partenza. L’ho provato talmente tante volte che quasi mi dimentico ciò che sono venuto a dirti. TI AMO! Sono un egoista, ma non riesco a lasciarti andare. Quello che voglio è stare al tuo fianco per il resto dei nostri giorni. Sei la donna della mia vita e non permetterò che fugga.” Alicia è felice e finalmente i due si baciano appassionatamente. Un bacio desiderato per molto tempo… Non appena si separano, due signore esclamano “Che vergogna. Che barbarità! Che Dio ci assista!” Alicia fa loro un enorme sorriso e senza abbassare lo sguardo prende la mano di Tomas e si dirigono verso la Gran Via.

Il Segreto: Il Segreto: Alicia e Tomas, pericolosamente vicini! Video

Poco dopo sono seduti in un caffè e Alicia domanda delle ultime novità di Puente Viejo. Tomas dice che Matias e alcune famiglie irriducibili che è riuscito a convincere sono trincerati e dicono di rifiutarsi di andarsene, costi quel che costi. E che questo è un altro dei motivi per cui è andato via. A Tomas non sfugge come il volto di Alicia si tinga di grigio “Il decreto di chiusura è già stato firmato, se non se ne vanno con le buone finiranno per cacciarli. Con Matias come capo, non si piegheranno alle minacce. E il governo ha bisogno di mostrarsi fermo. Se l’esercito riceverà l’incarico di evacuare, ci sarà un altro massacro a Puente Viejo!”

FINE OTTAVA PARTE…

Il Segreto anticipazioni spagnole: Donna Begona tenta di uccidere Manuela


 Il Segreto, la storia continua… A SETTEMBRE: IGNACIO E MANUELA

LA NUOVA VITA INSIEME DI DON IGNACIO E MANUELA

LA SOCIETÀ NON VEDE DI BUON OCCHIO UNA RELAZIONE TRA I DUE: SAPRANNO RESISTERE ALLA PRESSIONE?

Anticipazioni Il Segreto: trame delle puntate dal 23 al 30 Maggio 2020 - Spettegolando