Tuttalativu.it

Stefano Coletta, direttore di #Rai1, svela i nuovi progetti: “Parlare ai giovani è la vera sfida”

A settembre partirà la nuova stagione televisiva e, come al solito, massima attenzione sarà dedicata alla prima rete nazionale,  Rai1, tra novità (pochissime) e tante conferme. A parlare a Repubblica è il direttore, Stefano Coletta, che svela i progetti futuri, anche se a breve dovrà salutare, per cambio dei vertici.

“Quando sono diventato direttore di Rai1 ho mandato un messaggio a Raffaella Carrà, dicendole “ti tocca anche la prima rete” visto che l’avevo chiamata su Rai3 per A raccontare comincia tu. Le ho scritto varie volte. L’avrei voluta a Sanremo e Eurovision. Ultimo messaggio il 18 giugno, per il compleanno. Silenzio. Avevo capito che qualcosa non andava”

“Sono arrivato un anno e mezzo fa alla direzione di Rai1, l’obiettivo era mantenere la leadership provando a innovare. C’è stato anche il Covid, è cambiato tutto. Rai1 però quest’anno è cresciuta: in prime time è al 20%, in daytime al 17%. Felice di aver riportato a mezzogiorno la Clerici e di aver puntato sui giornalisti come Bortone e Matano”

Canzone Segreta? L’ipnosi ripetitiva ha impedito un’autenticità per cui sembrava tutto meccanico, ma Serena Rossi è un talento e non sono pentito. Le emozioni sono arrivate da The Voice Senior Ballando con le stelle. A Sanremo Fiorello e Amadeus sono stati eroici, con i Maneskin ha fatto la rivoluzione. La Rai sa raccontare i tempi, ora inseriremo volti nuovi”

“La sfida è portare volti nuovi. Scene da un matrimonio contro Domenica In? Non mi preoccupano. Penso che Francesca Fialdini con Da noi a ruota libera potrebbe virare sulle storie di persone normali come contraltare alle interviste ai Vip di  Verissimo. Con Amadeus stiamo parlando di Sanremo, anche se arriveranno i nuovi vertici, e stiamo registrando Affari Tuoi Family, con suoceri e colleghi. Registriamo numeri zero”